CIO’ CHE CONTA? E’ QUALCOSA DI SPECIALE NELLA VITA DI CIASCUNO…

[Clicka sul video, qui hai la traduzione:] il preside: “Bene ragazzi, guardate avanti, per favore. L’assemblea di oggi riguarda l’inizio di un viaggio, l’inizio del resto della vostra vita.
Voi avete undici anni. Tra 2 anni tutti voi finirete i vostri corsi di studio di livello A. Dopo altri 3 anni sarete a studiare in tutto il mondo, studiando presso l’università che avete scelto. Altri 5 anni e avvierete la vostra carriera.

Molti di voi saranno a lavorare per le migliori istituzioni in tutto il mondo. Vi sposerete, allora potrete comprare una casa. Tra 10 anni la vostra vita vi sembrerà perfetta. Tra 15 anni avrete 30 anni e da allora nel vostro percorso, la vostra vita avrà preso la sua strada.

[mormorio]

Mi dispiace signor preside, lasci che le dica perché questo approccio ci potrebbe far cadere in errore.

Conosco persone che si sono diplomate a 21 anni, e non hanno ottenuto un lavoro fino a quando non ne hanno avuti 27 di anni.
Conosco persone che si sono diplomate in ritardo, a 25 anni, e hanno trovato lavoro immediatamente.

Conosco persone che non sono mai andate all’Università, ma hanno trovato ciò che amano a 18 anni.
Conosco persone che hanno trovato un lavoro subito, appena usciti dal College, facendo soldi decenti, ma odiano ciò che fanno.

Conosco persone che hanno trascorso anni sabbatici, e hanno trovato il loro scopo.
Conosco persone che erano così sicure su cosa avrebbero fatto a 16 anni, hanno cambiato idea a 26 anni.

Conosco persone che hanno figli ma sono single, e so di persone sposate che hanno dovuto aspettare 8 o 10 anni per avere figli.
Conosco persone in relazione che amano qualcun altro. Conosco persone che si amano ma non stanno insieme.

Ciò che voglio dire è che tutto nella vita accade secondo il nostro tempo, il nostro orologio. Potresti guardare alcuni dei tuoi amici e pensare che sono davanti a te. Forse alcuni di loro si sentono indietro. Ma tutto accade al ritmo di ciascuno. Loro hanno il loro tempo. E quell’orologio è anche per te.

Sii paziente, perseverante:

All’età di 25 anni, Mark Cuban [*] era un barista a Dallas. Ci sono voluti fino ai 32 anni a J. K. Rowling [**] per pubblicare Harry Potter dopo che è stato respinto da 12 editori. Ortega ha lanciato Zara a 39 anni. Jack Ma ha fatto partire Alibaba quando aveva 35 anni. Morgan Freeman ha ottenuto la sua grande occasione a 52 anni. Steve Carell ha ottenuto il suo momento di successo solo dopo i 40 anni. La Virgin è stata fondata da Richard Branson a 34 anni.

Ottenere il diploma dopo i 25 anni è ancora un risultato. Possiamo non essere sposati a 30 anni ma ancora felici in bellezza. Iniziare una famiglia dopo i 35 anni è ancora possibile. E comprare una casa dopo i 40 anni è ancora grande.

Non permettere quindi a nessuno di affrettarti con le loro scadenze, perché come disse Einstein:

“Non tutto ciò che conta può essere contato.
E non tutto ciò che viene contato è ciò che conta”.

Ecco, questa è la cosa più importante: “Che tu sia in grado di creare una vita appagante, significativa e propositiva per te stesso… E impara a capire quanto questo può avere un impatto e essere una differenza nella vita degli altri. Questo sarà un vero successo.

[applausi]

E se poi… in cio’ che conta [e non viene contato] riuscirai a mettere anche le spese che ciascuno di noi sostiene per la propria vita nella propria Dichiarazione dei Redditi?… Ecco che allora avrai anche ottenuto il riconoscimento di quanto vale quella Vita per la Politica e per l’Economia del tuo Paese, e quanto valgono quei sacrifici per la comunità in cui vivi. La vita di ciascuno di noi è speciale? E’ follia che questo non appaia nella Dichiarazione dei Redditi di ciascuno.

[*] Mark Cuban: imprenditore statunitense, famoso miliardario nonché presidente dei Dallas Mavericks, squadra di basket della NBA rilevata nel gennaio del 2000. È anche il presidente di HDNet, una rete televisiva di carattere generale degli Stati Uniti che trasmette in alta definizione.

[**] Joanne K. Rowling: ha la biografia che assomiglia ad una favola come quella del suo personaggio Harry Potter. Nata il 31 Luglio 1965 a Chipping Sodbury, Gloucestershire, England, si trasferisce a 26 anni in Portogallo dove lavora come insegnante di Inglese e conosce il futuro marito un giornalista portoghese. Il matrimonio fallisce poco dopo la nascita della figlia (1993) e torna così in Inghilterra divorziata, disoccupata e costretta a tirare avanti grazie al sussidio dei servizi sociali in un minuscolo appartamento di Edimburgo. In queste condizioni Joanne, camminando sul filo della depressione e con una situazione finanziaria disastrosa, scrive le prime due avventure di Harry Potter, al tavolino del Pub del cognato mentre la figlia dormiva nel passeggino. La scrittura era per lei la cura a quella profonda crisi che stava attraversando. Di quel periodo ricorda un pensiero in particolare, riferendosi a Jessica: “…era una sorpresa ogni mattina vederla ancora viva.” Con quei racconti di Harry Potter la Rowling ottiene dallo Scottish Arts Council una borsa di studio per terminare il romanzo. Nel 1995, a 30 anni, terminò il manoscritto di Harry Potter e la Pietra Filosofale e solo dopo numerosi tentativi di ricerca Christopher Little accettò di diventare il suo agente letterario proponendo il testo a dodici differenti case editrici. Tutte e dodici rifiutarono di pubblicare il romanzo, etichettato come “fin troppo lungo”. Due anni dopo, quando lei aveva 32 anni, il primo libro della serie Harry Potter e la Pietra filosofale battè ogni record di vendita attraversando l’oceano Atlantico e diffondendosi in tutta Europa. Ad oggi, tra diritti d’autore, diritti cinematografici e diritti d’immagine sul merchandising, J.K.Rowling ha guadagnato più di un miliardo di euro e dicono sia diventata più ricca della Regina, nonchè della maggior parte degli scrittori britannici.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *