“CON LA SPERANZA CHE QUALCUN ALTRO FACCIA QUALCOSA…”

«A volte nel nostro Paese ho l’impressione che ci sia un atteggiamento passivo nei confronti del presente. Un atteggiamento che sta sgretolando uno dei pilastri del nostro stare insieme, del nostro modo di guardare al futuro. È come se si pretendesse di aver diritto ad un domani migliore senza essere consapevoli che bisogna saperlo conquistare.

Io non sono un professore di Storia nè di Sociologia ma mi è capitato ogni tanto di pensare da dove nasca tutto cio’. La risposta che mi sono dato è che in modo paradossale ogni tanto le grandi conquiste portano a risvolti imprevedibili e non voluti.

Così è successo nel 1968: un movimento di lotta pienamente condivisibile che ci ha permesso di compiere enormi passi avanti nelle conquiste sociali e civili ha avuto purtroppo un effetto devastante nei confronti dell’atteggiamento verso il dovere.

Oggi viviamo nell’epoca dei diritti. Diritto al posto fisso, al salario garantito, al lavoro sottocasa, al diritto di urlare e a sfilare, il diritto a pretendere. Lasciatemi dire che i diritti sono sacrosanti e vanno tutelati. Ma se continuiamo a vivere di soli diritti, di diritti moriremo.

Perché questa evoluzione della specia crea una generazione molto piu debole di quella precedente: senza il coraggio di lottare ma con la speranza che qualcun altro faccia qualcosa. Una specie di “attendismo” che è perverso ed è involutivo. Per questo credo che dobbiamo tornare ad un sano senso del dovere. Alla consapevolezza che “per avere bisogna anche dare”. Bisogna riscoprire il senso e la dignità dell’impegno, il valore del contributo che ognuno puo’ dare al processo di costruzione dell’oggi e soprattutto del domani.»
Sergio Marchionne, Università Bocconi 2013. 

Quale è il valore del contributo che ognuno puo’ dare – CONTRIBUTO che dà ogni giorno – al processo di costruzione dell’oggi e soprattutto del domani?

Parafrasando Marchionne, nel fare pratico – se ci limitassimo ad osservare l’Economia – potremmo dire: “sono le spese!”?

Nei fatti, se guardiamo al solo lato dei diritti, se guardiamo soltanto a quello che ciascuno di noi riceve dal processo economico noi possiamo usare tanti nomi: stipendio, paga, retribuzione, provvigione, salario, indennità, rimborso, …. Ed è quello che cerchiamo.

Ma se guardiamo anche al valore del contributo che ciascuno di noi dà al processo economico, a quello cioè che ciascuno di noi paga per vivere, in termini di doveri, in termini economici, ciascuno di noi nel proprio bilancio familiare ha due soli termini da usare: i suoi oneri e le sue tante spese. Oneri e spese: sono le cifre che ciascuno di noi dovrebbe poter scrivere nel proprio bilancio familiare. Nella colonna del dare, alla voce: “costi per vivere!”.

Costi per vivere che invece – ancora oggi, e siamo già nel 2018, addirittura 70 anni dopo la Dichiarazione universale dei Diritti dell’Uomo! – lo Stato, la politica, i sindacati ed i sindacalisti soprattutto, in nessun modo si curano di riconoscere quelle spese nella Dichiarazione dei Redditi dei cittadini. ..i Costi per vivere.

Sindacalisti e politici fanno (e hanno fatto) grandi battaglie per i diritti: rendiamo loro onore. Eppure loro, di quei doveri, di quello che ciascuno di noi oggi paga per vivere, sembra che oggi non vedano le tracce. Sembra che per loro, quelle spese che ciascuno di noi oggi e sempre deve sostenere per vivere, ancora non debbano avere alcun valore nella Dichiarazione dei Redditi delle persone.

Nessuna spesa per vivere va in Dichiarazione dei Redditi? Viviamo, vivono loro – forse, come diceva Marchionne -, con la speranza che qualcun altro faccia qualcosa?

E intanto i costi per le aziende raddoppiano mentre i lavoratori tornano a casa con la metà. Con la speranza che qualcun altro faccia qualcosa.

Come venirne fuori? Prova così. Prova con noi: la Card di Scaricare Tutto Tutti… : registra ogni genere di spese e fa tornare una percentuale di soldi sul tuo conto. Per dimostrare che anche sul futuro, nel presente, si puo’ fare qualcosa. Si puo’ fare molto. Purché smettiamo di pensare che qualcun altro faccia qualcosa. Quel “qualcosa” tocca a noi. Oggi!

La CashBack Card “EFFETTO Scaricare Tutto Tutti!”

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *