Le 3 Delibere per Scaricare Tutto Tutti [il “Contratto con i Cittadini”]: la Rivoluzione fiscale parte dai Comuni!

IMMAGINA…
Immagina tu di andare al parcheg
gio di piazza San Francesco (c’è sempre una piazza San Francesco in ogni città d’Italia con un parcheggio) pagare con la tua moneta e trovare scritto sulla ricevuta:

E’ facoltà di ogni Cittadino portare questa spesa in deduzione nella propria Dichiarazione dei Redditi!
(art. 2, 3 e 53 della Costituzione italiana – art. 2 Legge 825/1971)

Sai che questo accade già in Portogallo?
E noi possiamo fare di piu’!
Immagina di trovare quella stessa scritta anche sulla ricevuta di una multa!

“Dopo che l’avrai pagata… è tua facoltà portare questa spesa in deduzione nella Dichiarazione dei Redditi“.

Immagina adesso di trovare – e trovare presto!!- questa scritta sopra ogni ricevuta per tutto quello che paghi e pagherai al Comune!

E’ tua facoltà portarla in deduzione fiscale nella Dichiarazione dei Redditi.

Dal passo carrabile … al parcheggio.
Dalla mensa scolastica… alla retta per l’asilo nido.
Per tutto quello che paghi (quel tanto che paghi!) per gli oneri di urbanizzazione quando fai i lavori per casa o per la tua attività…  fino ad arrivare alle ricevute per la tariffa dei rifiuti!

Per tutto quello che paghi nel tuo Comune? Non solo: per tutto quello che paghi anche alle attività delle Partecipate del Comune.

Le occupazioni del suolo, le tasse per le insegne, le tasse per la pubblicità, le tasse per le attività ricreative e per le feste in luogo pubblico. Per tutto questo e per altro ancora…

Su tutto quello che PAGHI AL COMUNE ti sarà sempre ricordata: “la tua facoltà di poter portare ogni spesa in deduzione nella Dichiarazione dei Redditi”come già è scritto nell’art. 2 Legge 825/1971:

Noi siamo quelli che vogliamo che tu possa mettere ogni genere di spese in Dichiarazione dei Redditi!

Per cominciare dove potresti trovare quella scritta?  Per cominciare potresti trovarla nei Comuni dove i Sindaci hanno firmato il “Contratto con i Cittadini” per le 3 Delibere per Scaricare Tutto Tutti

A Prato: l’abbiamo proposta (e ha raccolto l’idea) il candidato Sindaco, Daniele SPADA…
Nel Comune di Cecina: l’abbiamo proposta (e ha raccolto l’idea) la candidata Sindaco, Pamela TOVANI…
Nel Comune di Poggibonsi: l’abbiamo proposta (e ha raccolto l’idea) il candidato Sindaco, Riccardo GALLIGANI…
Nel Comune di Volterra… e nei tanti altri Comuni della Toscana e di tutt’Italia da cui puo’ partire l’azione del Progetto “Scaricare Tutto Tutti”:

Le 3 Delibere per introdurre “la facoltà” per tutti i cittadini di poter portare “ogni spesa” in Dichiarazione dei Redditi^?

Vuoi provare tu, vuoi far partire Scaricare Tutto Tutti, anche nel tuo Comune?

Chiedi la mozione al tuo Consigliere.
Chiedi che la adotti il tuo Sindaco.
Chiedila al 
candidato Sindaco o alla Giunta comunale del Comune che conosci!

Cosa puoi proporgli? E’ semplice: un impegno, la Firma del Contratto…

E’ il primo passo. Una Firma non costa nulla. Ma è un impegno morale…  E’ un impegno, soprattutto se la pubblicheranno sui social, o sul sito istituzionale, o su Facebook. E’ un impegno, se vorranno utilizzare questo strumento nelle loro comunicazioni:  

Tu saprai che sono loro
gli Amministratori da sostenere!

E se invece i tuoi Amministratori
ti dicessero di no?
Tu saprai che quelle persone ti vogliono continuare a tassare sul lordo
E’ gente da scartare!

Fai partire tu l’azione nel tuo Comune: fai leggere questo articolo ai tuoi amministratori. Noi forniremo a loro ogni assistenza!!Altri hanno già firmato. Come è potuto accadere tutto questo?La delibera è semplice. E’ tutto molto semplice:
La 1a) delibera recita proprio quello che tu hai letto, di questa facoltà dei cittadini già prevista dalla Legge 825/1971:

“..e si dispone che la scritta, con i
riferimenti della Legge 825/1971 e della Costituzione, sia riportata sopra ogni ricevuta di oneri o spese che i Cittadini pagano al Comune”

La 2a) delibera ha la funzione di far osservare, semplicemente, e far rispettare, quella disposizione di Legge:

“Gli Uffici legali del Comune e gli Uffici del Garante del Cittadino faranno assistenza affinché tutti i Cittadini del Comune, senza distinzione di nazionalità [☆] o di reddito, possano, anche autonomamente o attraverso i CAF (centri di assistenza fiscale), presentare le loro Dichiarazioni dei Redditi Costituzionali”

[☆: Senza distinzione di nazionalità? Immagina gli immigrati regolari: quelli che pagano regolarmente le tasse… Impareranno anche loro la Costituzione Italiana. La impareranno, come te, perché la leggeranno nelle ricevute del Comune!]

E la 3a Delibera? E’ quella che ha la funzione di far partire “da subito” le azioni di Ricorso alla Corte Costituzionale:

…il Comune si costituisce parte civile nel Ricorso alla Corte Costituzionale!

Il Comune si costituirà Parte Civile? E’ già previsto nell’ordinamento, sai?E’ l’art. 113 della Costituzione, è il processo per l’abrogazione delle norme che confliggono con la Costituzione. Puo’ partire da qualunque istituzione, sai? Per l’abrogazione di tutte quelle norme medievali che prevedono la tassazione sul lordo: la medioevale tassazione a bestia delle Persone e delle Attività! La tassazione che non tiene conto delle spese dei cittadini…  Ricordi “non ci resta che piangere e la tassa che ti colpisce anche se scarichi un sacco?”

Il Comune eliminerà quel sacco? Con la “Eccezione di Costituzionalità” …Eccezione di Costituzionalità contro le norme medievali. Eccezione di Costituzionalità anche per conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato: non puo’ mica esistere uno Stato civile che tassa i suoi cittadini come se già non pagassero le tasse al Comune!

1.lo Stato non può tassare i Cittadini sui soldi che loro non hanno! Quelle ricevute lo attestano: sono soldi che risultano già nei bilanci delle Amministrazioni periferiche dello Stato.

2.lo Stato non puo’ negare o misconoscere quei soldi! Le cifre piene di quei soldi risultano essere già stati pagati dai cittadini: sono certificate nel bilancio del Comune!

A questo punto, possiamo immaginare la tua domanda:

«Ma i Sindaci? Possono i Sindaci ricorrere alla applicazione della Costituzione?
Davvero loro possono chiedere una Sentenza della Corte Costituzionale ?»

Lo hanno già fatto. Alcuni Sindaci lo hanno già fatto!… La novità è solo che Tu puoi anche non averne memoria.

Anche recentemente Leoluca Orlando, nella sua veste di Sindaco di Palermo, ha fatto partire un’azione simile a favore di alcuni immigrati entrati clandestinamente in Italia cui era stato dato il permesso di soggiorno. Il Sindaco Orlando, nella città di Palermo, per ricorrere alla Corte Costituzionale ha violato una precisa disposizione di Legge e ha iscritto  lui irregolarmente all’anagrafe dei cittadini stranieri. Ricordi?https://palermo.gds.it/articoli/cronaca/2019/02/01/palermo-orlando-iscrive-allanagrafe-4-stranieri-con-permesso-di-soggiorno-4e32f94c-f8ca-48b5-9ed5-b9a268910b17/

Un’azione a cui poi si sono uniti a ruota altri Sindaci:
https://m.huffingtonpost.it/2019/01/02/signor-no-dai-sindaci-alla-corte-costituzionale-prende-forma-le-protesta-anti-governo_a_23632126/

Se vuoi attuare la Costituzione è tutto molto semplice. Nel nostro caso, pensa, è ancora piu’ semplice: il Sindaco farà l’opposto di Orlando, adotterà lui, applicherà lui, una disposizione di Legge e della Costituzione! “Farà applicare la Legge e la Costituzione!” pensa tu che provocazione! 

La violazione è stata perpetrata in tutti questi anni dai vari Ministri delle Finanze che hanno violato (violentato?) la Costituzione ed i cittadini non riconoscendo a loro questo loro diritto: la deducibilità di ogni spesa “nella effettiva misura” (comma 9 art. 2 Legge 825/1971).

La tua domanda in effetti oggi dovrebbe essere: “perché non lo hanno già fatto, il ricorso alla Corte, nella difesa dei Cittadini?!”   E noi ti diciamo: Domandalo a loro!… .- ))

Tutto semplice, quindi, per il Ricorso alla Corte? Tutto semplice per Scaricare Tutto Tutti. Quello che serve adesso è che non tutti i candidati Consiglieri, e non tutti i candidati Sindaco, hanno gli attributi. Non tutti hanno le capacità di battersi per i diritti delle Persone.

E’ per questo che
sei tu che devi scegliere!

Scegli tu tra quelle persone, persone come noi, persone che vogliono lavorare per questo progetto: “Dare valore a quello che fanno le Persone!
In fondo è semplice, sai? Ci sono già tra i Consiglieri ed i Sindaci delle tue Città, persone che magari si battono già da anni per i diritti delle Persone. Devi solo trovare quelli che  sono capaci di adottare azioni come questa: a difesa e per i diritti dei Cittadini tutti.

La tassazione sul lordo? E’ una bestialità!
Fa tutti i Cittadini poveri. Come fa?
E’ ovvio: non tiene conto delle loro spese!
(E chi evade vince doppio :- )
  

Un’Avvertenza:
Ci sono Amministratori e anche Sindacalisti a cui la tassazione sul lordo piace. Nel loro pensiero la vita dello Stato – la tassazione per dare risorse allo Stato – viene prima, ed é piu’ importante della Vita delle Persone umane.

Adesso tocca a te scegliere. Rifletti…

Parlano di Umanità, loro? Nel concreto però giustificano la tassazione a bestia, quella che – mentre alimenta la bestia – non riconosce quello che serve alla vita degli esseri umani?   Lasciali perdere.  

La novità di questa azione, in verità, è solo qui: si cambia solo un paradigma e si cercano persone concrete che vogliono andare allo spirito della Costituzione:

le Amministrazioni dello Stato,
i Sindaci ed i Consigli comunali,
applicano e applicheranno e faranno azioni
di attuazione della Costituzione!

Faranno semplicemente cio’ che ci saremmo sempre aspettati:

danno e daranno più forza ai Cittadini.

Info: “i ricorsi alla corte Costituzionale per via incidentale”: https://www.dirittoprivatoinrete.it/diritto%20costituzionale/dirittocostituzionaleinrete.it/giudizio_in_via_incidentale.htm

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *